Noix de macadamia : bienfaits incomparables !

Noci di macadamia: benefici incomparabili!

Da dove viene la noce di macadamia?

La noce di macadamia, chiamata anche noce del Queensland, è il frutto della noce del Queensland (Australia nord-orientale). Scoperta 5000 anni fa dagli aborigeni, è una delle rarissime piante endemiche dell'Australia ad essere stata addomesticata dall'uomo.

L'albero di macadamia fu riscoperto da due botanici inglesi nel 1858. Il suo nome gli fu dato in omaggio ad uno scienziato australiano di origine scozzese, John Macadam. Oggi le noci di macadamia vengono coltivate in molte regioni calde (Sudafrica, Brasile, California, ecc.), ma l’Australia ne ha la maggiore produzione mondiale.

Le noci di macadamia sono drupe, raggruppate in grappoli. Sono racchiusi in gusci estremamente duri e marroni, a loro volta circondati da un sottile involucro carnoso (la buccia). Le noci sono mature quando cadono spontaneamente dall'albero e il mallo si spacca. Potrà poi essere gustato fresco, avrà un sapore vicino a quello del cocco. Dovrete però utilizzare una morsa per rompere il guscio che non è fragile come quello di una noce o di una mandorla!

Ma cosa contiene esattamente e perché è così interessante includerlo nella propria dieta, e in particolare nell’ambito di una dieta chetogenica?

Noix de macadamia: une bombe de bienfaits

La noce di macadamia è la noce più ricca di lipidi< /a>, prevalentemente monoinsaturi (57,2%, compreso l'acido oleico w9 al 43,8%). È povero di acidi grassi saturi ed è anche il meno ricco di tutti i semi oleosi di acidi grassi polinsaturi, il che lo rende meno infiammatorio rispetto, ad esempio, ai pinoli.

Rispetto ad altri semi oleosi ha inoltre un contenuto medio di carboidrati e il più basso contenuto di proteine.

Consumare una manciata (da 20 a 30 g) di noci di macadamia come spuntino o durante l'attività sportiva fornisce quindi all'organismo l'energia necessaria per continuare evitando una variazione dei livelli di zucchero nel sangue a causa del suo bassissimo contenuto di zuccheri . Quindi vai sempre oltre nella tua giornata o nel tuo allenamento senza rallentamenti! Questo è anche il motivo per cui in Holyfat lo utilizziamo in metà della la nostra gamma di puree energetiche< /a>, date le loro grandi qualità nutrizionali, sarebbe davvero un peccato privarsene, per una pausa golosa o per un'uscita sportiva! Per non parlare del loro gusto delizioso, perché oltre ad essere ricchi di benefici, sono anche molto gustosi e si prestano a tantissime ricette. Sono molto utilizzati anche in cucina, come ad esempio le loro cugine mandorle o anacardi, crudi, al naturale, cotti, salati, dolci, grigliati o addirittura caramellati. Un vero piccolo piacere colpevole!

Qui puoi trovare il nostro pacchetto scoperta di puree composto da 8 puree in 8 gusti diversi.



La noce di macadamia è quindi di particolare interesse in una dieta chetogenica (o dieta senza zuccheri) per il suo basso contenuto di carboidrati e la sua ricchezza di lipidi, ma non solo! Integrato in una dieta variata o utilizzato nell'ambito di un'attività sportiva, può essere un ottimo alleato per la performance e il benessere.

 

Quali sono i benefici delle noci di macadamia?

Quali sono gli omega 9 presenti nelle noci di macadamia e a cosa servono?

Gli Omega 9 sono acidi grassi monoinsaturi. A differenza degli omega 3 e 6, si dice che gli omega 9 non siano essenziali. Non che l'organismo non ne abbia bisogno, anzi, ma sa produrli da solo se non gli vengono forniti a sufficienza dal cibo.

Il principale è l’acido oleico, il cui nome deriva dal latino oleum “olio”. È più abbondante in natura, nel tessuto adiposo umano e nel plasma sanguigno. Tuttavia, non troviamo gli omega 9 ovunque: si trovano principalmente negli oli vegetali o animali: olio d'oliva (72%), nocciola (77,8%), semi d'uva, avocado, colza, arachidi o sesamo o anche grasso d'anatra (44,2%). ), oca, manzo, burro (20%) o strutto (41%). Anche i semi oleosi (come le mandorle o le noci che utilizziamo anche nelle nostre puree Holyfat) contengono omega 9 in quantità significative.

Il ruolo degli omega 9: svolgono ruoli molto simili agli omega 3 e 6:

  • Protezione cardiovascolare
  • Regolazione dei livelli di colesterolo (ridurre il colesterolo LDL, quello “cattivo”, e aumentare il colesterolo “buono”, protettivo per le arterie)
  • Partecipa alla plasticità della membrana
  • Svolgono un ruolo antinfiammatorio
  • Partecipare al corretto funzionamento del sistema immunitario
  • Contribuiscono al corretto funzionamento della retina, del sistema nervoso e del cervello
  • Ridurre il rischio di cancro

L'Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, ambientale e sanitaria sul lavoro (ANSES) raccomanda, per una razione adulta classica (senza patologie o dieta speciale) un contributo dal 35 al 40% di lipidi nell'apporto energetico giornaliero , Compreso:

  • MUFA (omega 9): dal 15 al 20%
  • PUFA (omega 3 e 6): 5%, con 1% minimo di omega 3 e 4% di omega 6 (e un rapporto w6/w3 inferiore a 5)

La noce di macadamia è quindi un'ottima fonte di grassi buoni. Contiene inoltre livelli interessanti di tiamina (1,2 mg/100 g), vitamina B6 (0,28 mg/100 g), vitamina B3 (2,47 mg/100 g), manganese (4,13 mg/100 g) e magnesio (130 mg/100 g). G).

Molto interessanti le vitamine e i minerali presenti nella noce di macadamia: 

Tiamina (vitamina B1):

È una vitamina idrosolubile, non viene prodotta dal nostro organismo e deve quindi essere fornita tramite l'alimentazione. Svolge diverse funzioni importanti, in particolare nel metabolismo dei carboidrati (decomposizione). È essenziale per la trasformazione del piruvato, un metabolita prodotto dalla glicolisi (degradazione del glucosio per generare energia) e tossico per il sistema nervoso. Agisce anche (sotto forma di tiamina trifosfato) nella trasmissione degli impulsi nervosi.

Pertanto, la tiamina è necessaria per il corretto funzionamento del sistema nervoso e dei muscoli. La carenza di B1 può portare a disturbi neurologici, encefalopatia (encefalopatia di Gayet-Wernicke, un grave disturbo neurologico) e una malattia chiamata Beriberi ("Non posso, non posso" in singalese, perché uno dei sintomi principali è la stanchezza marcata. di questa patologia). Tieni presente che la carne di alcuni pesci contiene tiaminasi, un enzima che scompone la tiamina. La cottura la degrada, ma ingerita cruda, come ad esempio in Giappone, può contribuire a provocare una carenza di tiamina.

Negli adulti, la dose giornaliera raccomandata (RDA) di tiamina è di 1,5 mg. Oltre alle noci di macadamia e ai semi oleosi più in generale, si trovano nei fiocchi di lievito di birra, nei legumi, in alcune carni, frattaglie e salumi o anche nei cibi integrali.

Vitamina B3:

La niacina deve essere fornita attraverso la dieta ma può essere sintetizzata anche per via endogena a partire dal triptofano e, in misura minore, dai batteri intestinali. Funziona in sinergia con B2, B6 e magnesio. Ha già dimostrato la sua efficacia nel trattamento dell'ipercolesterolemia e nel trattamento dei disturbi della pelle, grazie al suo importante ruolo metabolico. Regola i livelli di colesterolo, consente la produzione di energia, la sintesi di sali biliari o di ormoni steroidei entrando nella composizione dei coenzimi coinvolti nel metabolismo dei lipidi. Previene l'aterosclerosi aiutando a mantenere l'integrità delle arterie (e più in generale dei tessuti). Protegge inoltre le cellule neuronali dall'invecchiamento precoce e potrebbe quindi partecipare alla prevenzione delle malattie neurodegenerative (Alzheimer, Parkinson, ecc.).

Si trova negli alimenti di origine animale (carne e frutti di mare) ma anche nel lievito o nel germe di grano, nelle patate e nei semi oleosi. Il fabbisogno nutrizionale medio (ADR) è di 11,4 mg/giorno per le donne adulte e 14 mg/giorno per gli uomini adulti. Una carenza (estremamente rara) può portare ad astenia, mal di testa, vertigini, demenza e pellagra (disturbo nutrizionale osservato soprattutto nelle popolazioni malnutrite o denutrite).

Vitamina B6:

Essenziale anche perché non prodotta dall'organismo, la piridossina è coinvolta in numerose reazioni metaboliche. Assicura l'equilibrio del sistema immunitario e la salute degli organi linfoidi (primari: midollo osseo e timo e secondari: milza, linfonodi, tonsille). Nel metabolismo delle proteine ​​è coinvolto nella sintesi e degradazione degli aminoacidi e delle proteine, in particolare del triptofano che trasforma in vitamina B3. Permette la sintesi e il rinnovamento dei globuli rossi e consente la produzione di neurotrasmettitori e ormoni essenziali: norepinefrina, serotonina, adrenalina, ecc. Promuove così l'equilibrio ormonale. Combinato con B9, B12, zinco o magnesio, ne aumenta e facilita l'assimilazione.

Una carenza di B6 può portare ad anemia, grave affaticamento, malinconia, disturbi della pelle o infiammazione della lingua. Tuttavia, poiché la vitamina B6 è presente nella maggior parte degli alimenti, è estremamente raro notare delle carenze. Si osservano principalmente nelle persone denutrite, nei casi di insufficienza renale o negli alcolisti cronici. D’altro canto, un eccesso di B6 è dannoso. Infatti, a dosi elevate, è neurotossico e può influenzare la memoria e il sistema nervoso, a volte in modo permanente. Si consiglia quindi di non superare la dose giornaliera di 6 mg di piridossina (sapendo che la RDA è di 1,3 mg per un adulto e 1,9 mg per una donna in gravidanza).

La vitamina B6 si trova in un'ampia varietà di alimenti vegetali e animali (carne, pesce, frattaglie, semi, semi oleosi, banane, ecc.).

Manganese:

Un oligoelemento essenziale, svolge un ruolo nell'attivazione di alcuni enzimi. Partecipa inoltre al metabolismo dei carboidrati e alla sintesi dei lipidi, in particolare del colesterolo. È quindi indirettamente coinvolto nella sintesi degli ormoni sessuali. Infine, interviene nella formazione dello scheletro e del tessuto connettivo.

Al suo ruolo metabolico si aggiunge quello di cofattore enzimatico, cioè si lega ad un enzima per permettergli di agire. In questo caso nel corpo umano si lega alla superossido dismutasi che partecipa all'eliminazione dei radicali liberi e permette anche la sintesi dell'insulina. Attiva anche la prolidasi coinvolta nella sintesi del collagene.

Curiosità: il manganese viene assorbito dall'organismo in due modi: attraverso il tratto digestivo, tramite il cibo o l'acqua minerale, ma anche attraverso le vie respiratorie! Le particelle sospese nell'aria entrano nei polmoni e poi entrano nel flusso sanguigno.

Il manganese si trova principalmente nei semi oleosi (noci, mandorle, noci pecan, noci di macadamia), nei cereali (grano integrale, orzo, grano saraceno, segale), nel cioccolato e persino nei crostacei. Molto presente nella dieta e dato un basso fabbisogno giornaliero (RDA: 2,5 mg), la sua carenza è rara. Si manifesta con un rallentamento della crescita, danni ai tegumenti (pelle, capelli, unghie), una riduzione del colesterolo nel sangue e un'alterazione delle funzioni riproduttive. Talvolta si nota un eccesso di manganese tra i vegetariani/vegani poiché è molto presente nelle piante. Provoca poi disturbi neurologici: mal di testa, sonnolenza.

Magnesio:

Minerale essenziale, è il 4° catione più importante nell'organismo e il 2° a livello intracellulare. Il corpo umano contiene in media 25 mg di magnesio, immagazzinato tra il 50 e il 60% nelle ossa, il 25% nei muscoli e l'1% nei liquidi extracellulari. Interviene in più di 300 reazioni enzimatiche: mantenimento dell'omeostasi (equilibrio interno), trasporto del glucosio, trasporto del fosforo, sintesi proteica, attivazione degli enzimi, trasmissione degli impulsi nervosi e contrazione muscolare, ha inoltre funzione sedativa e stimola la formazione di anticorpi (ruolo immunitario). Svolge anche un ruolo complesso nell'integrità cellulare, promuove la plasticità cerebrale, favorisce la fissazione del calcio nelle ossa ed è antinfiammatorio. Tra l'altro non vi spiegheremo le centinaia di reazioni e le loro azioni, ma capirete che il magnesio è vitale per l'organismo.

Il suo assorbimento è favorito dalla solubilità e dai carboidrati fermentabili (presenti ad esempio nei semi oleosi come le mandorle). Una carenza di magnesio può provocare (tra le altre cose ancora) disturbi digestivi, disturbi del sonno, ansia, irritabilità, affaticamento o irritabilità neuromuscolare (spasmi, crampi, tremori, contrazioni involontarie), stress/ansia/depressione, palpitazioni cardiache, disturbi termici, e problemi ai reni, alle ossa, ai vasi sanguigni e al fegato. La leggenda narra che quando l'occhio si contrae potrebbe essere dovuto alla mancanza di magnesio.

Niente panico, detto questo, il magnesio si trova in molte fonti alimentari: caffè, crostacei, cereali integrali, semi oleosi... E cioccolato! Esistono anche degli integratori di magnesio in caso di carenza che ti permetteranno di raggiungere l'apporto raccomandato di circa 400 mg al giorno per un adulto (il fabbisogno cambia a seconda dell'età). In caso di attività fisica intensa (sport di resistenza ad esempio), i fabbisogni aumentano perché il sudore provoca notevoli perdite di minerali.

In quali prodotti si può trovare la macadamia da Holyfat?

La maggior parte delle nostre puree è a base di macadamia (+85% in media), quindi troverete la macadamia nelle nostre puree al sale, al limone, alla vaniglia, al cocco, all'espresso e in edizione limitata.


Da dove provengono le nostre macadamie?

Le nostre macadamie provengono direttamente dal Sudafrica. Il nostro fornitore è certificato FSSC22000. Riceve le macadamie, le decortica e le pastorizza, quindi le spedisce a noi.


Non esitate a consultare i nostri altri articoli, in particolare “
Come evitare l'affaticamento durante l'esercizio, in particolare durante gli sport di resistenza? »,< /a> così come il nostro ingrandisce i nostri ingredienti, con in più alcuni suggerimenti e consigli per la preparazione e le vostre uscite sportive (o le tue giornate impegnative).

Torniamo al blog

lascia un commento

Tieni presente che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.