Marathon de Paris / Marathon des Causses, Adrien DICQUE | Holyfat

Maratona di Parigi / Maratona delle Causses, Adrien DICQUE

Abbiamo dovuto aspettare 30 mesi per tornare alla Maratona di Parigi, rinviata poi cancellata nel 2020 a causa della pandemia e poi ancora lo scorso aprile, data in cui solitamente si svolge. La data è stata finalmente fissata per il 17 ottobre 2021.

  • PREPARAZIONE ALLA MARATONA

Quindi ho il pettorale ormai da più di un anno e sto aspettando di iniziare una seria preparazione per la maratona. Preparazione che inizia più o meno ad agosto, 10 settimane prima della gara.

La preparazione è andata come previsto e le sessioni si sono susseguite senza intoppi. Con mia grande sorpresa, non mi sono fatto male. Io, che sono facilmente soggetto al dolore e mi sono recentemente liberato della tendinite della fascia lata (la famosa sindrome del tergicristallo), ho potuto finalmente apprezzare i piaceri della preparazione senza interruzioni forzate.

10 settimane di allenamento senza davvero un piano predefinito in anticipo. Ciò che mi piace particolarmente della corsa è la libertà di poter correre quando voglio, per tutto il tempo che voglio e con l'intensità desiderata. Seguire un piano di allenamento con sessioni definite ogni giorno non fa proprio per me.

Cerco comunque di mantenere un ritmo di almeno 4 sedute settimanali a cui si aggiungono qualche ora di ciclismo oltre a sedute di potenziamento muscolare e propriocezione. Complessivamente una preparazione abbastanza eterogenea con un volume di allenamento che varia dalle 4 ore alle 10 ore di attività fisica settimanale, la mia settimana di corsa più impegnativa è stata di 65 km.

Il 17 ottobre l'obiettivo è chiaro: scendere sotto le 3 ore nella maratona. Dovrò mantenere un ritmo di 4'15/km per 42,195 km. Fisicamente e mentalmente mi sento pronto, ma è difficile prevedere tutto quello che potrà succedere in 3 ore di gara. Vieni a Parigi per scoprirlo.

  • MARATONA NELLA CITTÀ PIÙ BELLA DEL MONDO

Marathon de Paris / Marathon des Causses, Adrien DICQUE

6:30… Suona la sveglia. Non ho dormito bene, 5 ore al massimo. La pressione del giorno prima della gara (originaria di Lille ma qui niente a che vedere con la birra) ha avuto la meglio sul mio sonno. 

Inizio la colazione con un piatto di pasta imburrata, che completo con uno yogurt bianco nel quale verso 40 g di Holyfat vanilla macadamia. Una delizia. Per quanto riguarda l'idratazione, bevo quasi 1,5 L di acqua fino alla partenza.

A proposito di partenza, qui è più vicina che mai. Sono le 9, entro alle 3 nel SAS corrispondente al mio pettorale. L'emozione sale. Intorno a me i volti sono entusiasti, impazienti, alcuni impauriti. 

9:23… Questa volta è tutto, la partenza è in corso. Un inizio leggermente più veloce di quanto avevo pianificato. L'euforia della corsa, l'atmosfera e la discesa pianeggiante... Difficile mantenere il ritmo obiettivo. Eppure è necessario. Lo so, a Parigi la prima mezza maratona è piuttosto tranquilla, ma le cose peggiorano nella seconda parte della gara, quindi devi tenere qualcosa sotto i piedi. 

Km 7, Place de la Bastille, la mia famiglia e i miei amici sono lì per incoraggiarmi, che bella esperienza! È anche il primo punto di ristoro della gara. Prendo una bottiglia d'acqua consegnatami da un volontario, ne bevo una buona metà, o almeno ci provo come posso senza soffocare.

Ripeto l'operazione sulle prossime 3 forniture. Acqua e nient'altro. Finalmente sì! Il mio sacchetto di 40 g di caffè Holyfat riposto nella tasca posteriore dei miei pantaloncini. Questa sarà la mia unica fonte di energia per i primi 27 chilometri. Una scelta che si è rivelata quella giusta.

Marathon de Paris / Marathon des Causses, Adrien DICQUE

Complimenti, fin qui tutto bene

27e km, nuove provviste, nuova bottiglia d'acqua e questa volta un terzo di banane in più.

La mia strategia di rifornimento era la seguente: una busta Holyfat per entrambe le prime ore delle corse per garantire un apporto calorico costante e nessuna variazione glicemica. Poi un pezzo di banana ad ogni ristoro a partire dal 27esimo km per beneficiare di un apporto di carboidrati e quindi di un effetto boost per la fine della corsa, senza rischiare ipoglicemia.

Km 30, le gambe cominciano ad irrigidirsi ma è normale, niente di allarmante. Stringo i denti nonostante i saliscendi delle rive della Senna e approfitto dell'incredibile atmosfera che si respira lungo la strada. Il ritmo è mantenuto, 4'11, 4'08, 4'14... Una svolta a destra ed eccola lì... la salita del Boulevard Suchet. 500 m al 3% medio. Normalmente è una formalità, ma a 34 annie i km di una maratona ovviamente fanno danni. Accorcio il passo, rallento un po' il ritmo, l'obiettivo è salvarmi il più possibile e ripartire una volta superata la salita.

E 'fatto. Una volta in cima, lascio scorrere le gambe, cercando di avere un passo il più rilassato possibile. In questa fase della corsa non sono più tanto le gambe a decidere quanto piuttosto la mente. Nella mia testa, il conto alla rovescia è iniziato, mancano solo 4 km, 3,5 km, 3 km... Il dolore c'è, ma è in gran parte il motivo per cui sono venuto, quindi non si tratta di crollare così vicino all'obiettivo.

In questi ultimi chilometri molti runner non ce la fanno più e cominciano a camminare. Così ne sorpasso tanti, non mancando mai di incoraggiarli ogni volta: “Forza, teniamo duro! ".

Con il cartello dei 500 m nel mirino, spengo il cervello e percorro quest'ultimo rettilineo a più di 16 km/h. C’era (un po’) rimasto sotto i piedi, era quello che volevo. Essere in grado di finire bene alla fine di una maratona padroneggiata. Taglio il traguardo e spengo l'orologio senza sapere veramente l'ora esatta. La mia famiglia si unisce a me e non fa più durare la suspense. 2h 57' 45'', il limite delle 3 ore è sceso, l'obiettivo è stato raggiunto.

Marathon de Paris / Marathon des Causses, Adrien DICQUE

Sono molto contento della mia gara e del tempo finale. Stranamente, non pensavo che mi sarei divertito così tanto, eppure al traguardo avevo la sensazione che 2h55 fosse raggiungibile. Non è delusione, ma voglia di fare sempre meglio. 

Più che una semplice corsa, la maratona di Parigi è un'esperienza straordinaria. I monumenti parigini, l'atmosfera che si respira ad ogni angolo di strada, tutto si unisce per trascorrere momenti straordinari. Auguro a tutti di parteciparvi una volta nella vita.

 

  • UN’INCERTA FRA LE GARE

 

Tempo per qualche giorno di riposo... Pochissimo, visto che appena 6 giorni dopo ho appeso al chiodo il pettorale per la Marathon des Causses (35 km e 1700 m D+) al Festival des Templiers, a Millau.

Quando mi sono iscritto sapevo che in 6 giorni il corpo non ha il tempo di riprendersi adeguatamente da uno sforzo traumatico come una maratona. Quella che a prima vista sembra una scelta poco intelligente si trasforma in una vera e propria sfida.

Questa sequenza non è priva di rischi e non ci ho messo molto a vedere apparire il dolore. Dal martedì successivo alla maratona hanno iniziato a manifestarsi dolori alla parte esterna del piede sinistro, provocando disagio sia nella deambulazione che nella posizione eretta. Non sono troppo preoccupato, probabilmente passerà da solo.

Giovedì mattina, jogging sulle rive del Tarn con Alvaro, 5 km in 5'30/km. Il disagio all'inizio è discreto, mi dico che dovrebbe scomparire presto. Ebbene no, continua ad intensificarsi finché non interrompe il tuo passo alla fine della corsa. A 2 giorni dalla gara, non so se sarò in grado di completare questo percorso, o anche se sia ragionevole iniziare con un piede solo. Questa domanda persisterà fino all’ultimo momento e avrà conseguenze reali sull’esito della mia gara.

 

  • MARATHON DES CAUSSES, TEMPLARI, UNA CORSA MENTALE

 

Sabato 23 ottobre 2021. La mattina stessa della gara, non so ancora se sarò su questa linea di partenza oppure no. Il mio piede è ancora dolorante ma sembra sopportabile.

La partenza è alle 12:25, sono le 11, la mia decisione è (finalmente) presa. Anche a costo di essere a Millau, a più di 850 km da casa, tanto vale provarci, anche se non riesco a finire la gara. Sono le 12:20, sono nella stanza 2e onda iniziale. I corridori della 1tempo l'onda è partita già 10 minuti fa. Nella valle di Millau risuona il famoso “Ameno” di Era. Cinque lunghi minuti ed è ora di partire.

Essendo in fondo al gruppo, sono stato ostacolato nei primi 500 metri e poi ho iniziato la salita con un ritmo dinamico ma confortevole. Uno spostamento a sinistra, uno spostamento a destra, questo inizio di gara somiglia più a uno slalom che a un trail, ma mentalmente tutti questi sorpassi sono piuttosto esaltanti.

Concentrato a sgattaiolare in giro per trovare spazio, non avevo notato nemmeno un dettaglio, per quanto molto importante. Non mi fa male il piede. Ho corso per ben 3 km e non sento il minimo dolore. Non ci lasciamo prendere la mano, mancano ancora 32 km e 1600 m di dislivello da percorrere.

Marathon de Paris / Marathon des Causses, Adrien DICQUE

Continuo la corsa al mio ritmo e arrivo ai piedi della prima grande difficoltà del percorso. La Croix de Paulhe, salita di 1,35 km al 23% di media. Inutile dire che in quel momento rimpiansi di non avere i bastoncini. Ma questa non è la cosa più invalidante.

Mi sono subito ritrovato bloccato dietro i corridori della prima ondata. Molto complicato sorpassare perché il terreno non è per niente adatto a questo. Quindi faccio del mio meglio nella speranza di perdere meno tempo possibile.

Mi ci sono voluti 18 minuti per arrivare in cima a questa gobba. Seguono 2 km di pianura e 2 km di discesa durante i quali riparto per cercare di recuperare il ritardo. I 2 km di discesa non mi fanno alcun favore, sento che le cosce sono già molto rigide. A 6 giorni dalla maratona di Parigi, la cosa non mi sorprende più di tanto, dovremo fare i conti con la forma di oggi.

Marathon de Paris / Marathon des Causses, Adrien DICQUE

Al 12esimo chilometro, mi fermo qualche secondo per riempire le borracce al primo ristoro (solo acqua) e riparto per attaccare la seconda difficoltà. 3 km all'11,2% di media. Alterno corsa e camminata, la salita va abbastanza bene, sorpasso molti corridori. Giunti in vetta 6 chilometri piuttosto pianeggianti mi separano dal successivo punto di ristoro. Mi accontento sui 5'/km e vado avanti, con una sola idea in testa, mangiare. Finora mi sono preso il tempo di mangiare una barretta e una dose di 40 g di Holyfat< /a> café, a priori ho lo stesso piano di rifornimento di una settimana prima a Parigi, non c'è motivo per cui non funzioni.

Sì, ma ho commesso un grosso errore, che purtroppo mi costerà la gara. Ossessionato tutta la mattina dalla possibilità di non iniziare, ho completamente trascurato un punto essenziale: l'alimentazione. Non ho mangiato nulla tra la colazione alle 8:30 e l'inizio della gara 4 ore dopo. Inutile dire che verso le 15 sto morendo di fame.

Errore da principiante, prendo tutto quello che mi capita tra le mani al punto di ristoro: antipasti, torte, formaggio, pane, Coca Cola, acqua frizzante... Tutto questo mentre ingenuamente mi dico che deve passare.

Una volta terminato il “buffet all you can eat” parto con attenzione per evitare crampi mentre i muscoli si scaldano nuovamente. Il ritmo evidentemente non è lo stesso per qualche chilometro, ma riesco a limitare i danni fino al successivo ristoro, km 27. Rebelote, pane, formaggio e coca... Questa volta è quello giusto, il mio corpo suona l'allarme.

Riesco a completare alla meglio la penultima discesa del percorso. Molto tecnico, gli appoggi sono scivolosi, quasi cado più volte. Eccomi ai piedi dell'ultima salita della giornata, salita che segna l'inizio della mia discesa agli inferi. Provo a fare jogging per i primi 100 metri... impossibile. Peccato, finirò camminando.

Poi mi rendo conto dell'entità del danno quando anche camminare diventa una tortura. Ogni gradino un po' più alto dell'altro mi dà le vertigini e mi costringe a fermarmi. Ho perso molte posizioni in questa salita. Io che finora sono stato superato solo pochissimo, ho difficoltà a livello mentale, ma fisicamente non riesco più a tenere il passo. Mi fermo, ricomincio, mi fermo… inizio a pagare cara le miscele fatte ai ristori. La nausea mi costringe a fermarmi nuovamente. Al km 32 ho vomitato 8 volte, è stato un calvario.

Riesco ad andarmene e le forze sembrano ritornare timidamente, almeno questa è l'impressione che ho. Nonostante i terribili crampi allo stomaco, stringo i denti, completo questa discesa finale e finalmente passo l'arco d'arrivo.

Marathon de Paris / Marathon des Causses, Adrien DICQUE

Ho completato la Marathon des Causses in 4h55 dopo una corsa faticosa. Questa gara mi ha reso consapevole dell'importanza fondamentale dell'alimentazione per lo sport, in particolare per la corsa.

In due settimane ho potuto vivere due gare completamente diverse. Uno perfettamente controllato e l'altro più caotico. La differenza sta principalmente nella dieta. Questa esperienza mi permette di evidenziare l'importanza di mangiare prima di uno sforzo lungo ed intenso e di non mangiare nulla durante lo sforzo. Quando corriamo, il corpo utilizza l'energia disponibile per azionare i muscoli necessari a farci avanzare, mettendo da parte organi come lo stomaco. Ecco perché è fondamentale utilizzare prodotti sani e digeribili, come i prodotti offerti da Holyfat ad esempio, per evitare questo tipo di complicazioni durante l'attività fisica.

Sono molto felice di aver portato a termine questa sfida completando due grandi gare a 6 giorni di distanza. Ho imparato molto e sto già iniziando a prepararmi per il mio futuro obiettivo: i 110 km della Volvic Volcanic Experience (VVX).

 

Adrien DICQUE, membro dell'Holyteam.

Torniamo al blog

lascia un commento

Tieni presente che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.