Philippe, Ultra Monte Rosa : 35h en pays Keto | Holyfat

Philippe, Ultra Monte Rosa: 35 ore nel paese di Keto

Episodio 1

È la storia di un Alpine Ultra Trail e di un ritorno a me. Voglia di ritrovare un po' di tempo: 35 ore di corsa in mia compagnia, e 3 anni di desiderio per una 175K che diciamo “bella, brutale, audace”. Mi creda ; Non vengo né per soffrire, né per trascendere, né per dimostrare. La storia è impegnata, ma pacifica e attenta.

L'Ultra Tour Monte Rosa mi adora, ed eccomi alla partenza questo 02/09/21, 11000+, 175K e 35 ore fuori, un'altra storia di numeri...ma fermo il ritmo. 4 del mattino, tutto inizia adesso, ed è allora che mi fermo. Privato.

Prolungherò gli ultimi mesi. Vado ad osservarli, vedo il loro cambiamento nel corso delle ore, quando l'1tempo verrà l'alba. Domani mattina, dove sarò: K110, 120, 150? Tra 4 ore la Francia delle scuole tornerà a scuola. Per 4 mesi ho rallentato la mia frenesia e mi sono allenato per un Ultra. Il volume si è infittito, la mia velocità ha rallentato e la mia mente ha lavorato. Settimana dopo settimana, la meditazione e la visualizzazione consolidavano il mio sconosciuto.

Paesaggio interiore, universo cementato ed espanso, passo dopo passo. La mia dieta è tornata alle origini: vedere nel tempo, vedere le fondamenta, la durata, la profondità. Man mano che la mia concentrazione cresceva, ho purificato nuovamente la mia dieta verso la sua base chetogenica. Abituato, ma dilettante, ed è cresciuta anche la serenità: addio ai dolci per 2 mesi finali verso il 100% keto. Ci rivedremo, pasticcini. Holyfat è con me da quasi un anno e combina armoniosamente sapore e sostenibilità. Alle settimane D-4, mi abituo a consumarlo in sessioni lunghe/medio-lunghe. Viaggio incredibile ed emozionante per vedere il corpo rispondere, apprezzare... e sviluppare una zenitudine non illuminata. Sostenibile: sembra essere questa la parola. 4 del mattino, parto per ritrovare me stesso.

Episodio n.2

Le ore passano e rivivo le settimane passate. La “Preparazione” e le sue piogge, raffreddori o piaghe; ancora dimenticato. Certamente, un ginocchio allentato prende vita dal K30 – una prima assoluta nei miei anni come corridore di base (piuttosto che come corridore di distanza). L'articolazione aumenta del 5% ogni 20 km: precisa e preoccupante.

Ma è questo il gioco ultra, mia buona Suzette? Secondo me no; ma predico in terra ostile. Ultra running per iper-trascendenza dolorista, niente da fare, non posso farlo. Probabilmente arriverà. Per il momento, il presente fonde il passato: io sono un passo di montagna e il mio giro in bicicletta di giugno. Sposo una girella, o Orione sul Taschhörn; e il mio percorso di “preparazione” a Julyist. Mi fermo e guardo.

Oh, niente di lungo se non il permesso di guardare. Vento leggero, dolce cagliata alpina: tasca laterale, limone macadamia e un finanziere di Tea-Time a mezzanotte. Il mio 1tempo Break britannico a 2800 m, Holyfat sulla borraccia e l'azimut del K120. Sarà ancora buio lì ma sto progettando una barretta – stesso timbro, cacao, sale e olio MCT.

Le gambe girano sorprendentemente, dopo 21 ore di viaggio. 3 settimane fa, ho iniziato un ultimo blocco di sessioni solo a stomaco vuoto. Piacere colpevole, a volte mi innamoravo di un morso di mandorle... e di un capello di agave - ma con una FC massima <60-70%. Sistematizzo Holyfat, ora in azione e bisognoso di piacere. Ritorno al sacro dell'attimo puro, devo ripartire; Ci sono voluti solo 45''.

La valle di Saas-Fee chiude, gli orari migliori aprono; nessun dolore, oh sì, ginocchio. Dalle 21 non ho più avuto cali di energia, e chissà se il sole è stato brutto da Zermatt a Zermatt (K37-K61), su asfalto (K61-K85), o per risalire a Törbel (K98) . La digestione fa le fusa, letteralmente. Devo essere fortunato, questo è tutto ciò che vedo. Movimento lento ma movimento duraturo, ritmo regolare e deciso: strana analisi di JE in movimento. Non fermarti qui.

Philippe, Ultra Monte Rosa: 35h en pays Keto

Episodio n.3

E poi tutto si rompe. L'abbandono improvviso è in agguato: ginocchia in allerta, piacere a mezz'asta, sofferenza per disabilità. Fisicamente impedito, bloccato nell'invidia e nella tristezza che si autoinvita. Sapevo di essere fragile al K100 nel mondo ultra, qui sono vittima di me stesso al K130. Allora, qual è il cibo del piacere? Come ritrovare il gusto della vita? Drammaturgia sportiva ridicola! “Abbiamo scelto di essere qui. NO ? Quindi corriamo felici! ”.

Ne sa qualcosa Darcy Piceu, ultra leggenda statunitense. Quindi, in fretta, trova un sapore o il suo placebo, aprendo la tua borsa del sollievo: e soprattutto, soprattutto, riprendi subito la tua routine. Cambia dal piede al berretto: biancheria pulita, un altare risplende alla tua gloria. Preparati a partire e apri il tuo snack o la tua barretta. Perché no, le tagliatelle fanno scattare la fatwa. Felice umiltà dal peggior “pasto caldo” di una vita. Da allora è stata ritrovata una targa: «Qui giacciono le farfalles più sudicie della Svizzera. Pace alle loro anime, tutto è iniziato con una buona intenzione.

E tutto... ricominciò da capo. Così sarebbe potuta finire la storia del Monte Rosa. Il giorno è spuntato e nonostante 12 snack e barrette Holyfat, il mio fegato non balla nessuna giga. Totalmente quadrato. Con D-15 ho aumentato leggermente la mia quota di omega 3, sugli avocado e altri pesci grassi, ma senza causare nausea. Caffè Bullet Proof o tè verde a tracolla, il ricordo di queste delizie mi segue ancora nelle pause souvenir: sono le 14.00. Vedo la ripida salita finale e mi rendo conto che nelle ultime 5 ore ho accelerato come mai prima d'ora. Miracoloso? eucaristia interiore con una zenitudine di cui non sono mai stato sospettato. Sto arrivando.

Philippe, Ultra Monte Rosa: 35h en pays Keto

Torniamo al blog

lascia un commento

Tieni presente che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.